Work in progress: cosa sta succedendo a PdQ

Buongiorno, Quattrocchi!

Avrai sicuramente notato che abbiamo rallentato il ritmo nell’ultimo mese e stiamo pubblicando meno contenuti.

Come insegna la Guida Galattica, Don’t panic! Non stiamo sparendo e non ti stiamo abbandonando: semplicemente siamo al lavoro per migliorare Parola di Quattrocchi e stiamo impostando nuovi progetti. Ecco un assaggio di cosa sta succedendo…

Il trasloco

Trasloco

Dopo il trasloco materiale di Francesca a Milano, anche il nostro sito impacchetta tutto e si sposta, nel senso che cambiamo host per presentare Quattrocchi ancora più brillante di prima.

Cosa cambia?

Fondamentalmente, niente. Il nostro indirizzo rimarrà lo stesso e anche la fruibilità dell’aspetto. Sarà più facile per noi gestire contatti e contenuti, daremo al nostro web magazine un assetto ancora più completo e professionale.

Il Natale

Natale

Pensavi forse che ti avremmo abbandonato durante le feste?

Ovviamente, no! Sta per tornare il nostro mitico calendario dell’avvento, Occhio al Natale, con un’ondata di nuovi contenuti tra sito e social che ti accompagneranno fino al 25 Dicembre.

Quindi per godere a pieno di questo countdown, seguici su Instagram o Facebook, e se non sai scegliere, non farlo! L’ingresso è libero e gradito su entrambe le pagine 😛

I dubbi

I dubbi parola di Quattrocchi

Ma quindi, tu che ci segui cosa devi fare?

Assolutamente nient’altro! Continua come hai sempre fatto, perché tu e gli altri Quattrocchi siete la principale benzina che manda avanti la nostra macchina, insieme allo spirito di squadra e alla passione per la scrittura.

Solo chi ci segue via WordPress tra un po’ dovrà venire a seguirci sul nuovo dominio, e noi vi indicheremo la strada!

Il contesto

Stress Quattrocchi

A Quattrocchi teniamo molto e, allo stesso tempo, la vita ci ruota attorno fin troppo velocemente: chi è stata impegnata con la casa, chi con il lavoro, chi a prepararsi per un master… A volte, anche in tre non abbiamo energie a sufficienza.

Mentre il nostro sito si evolve, noi stiamo evolvendo un po’ con lui.

Ti chiediamo ancora un attimo di pazienza: è solo il silenzio di preparazione prima che scoppino i fuochi d’artificio!

Fuochi d’artificio Quattrocchi

Dalle attiviste alle serie tv: 3 ricerche su Google che hanno portato a Quattrocchi

Ti svegli, fai colazione e ti ritrovi in macchina, o magari in treno.
Accendi la radio, senti due persone chiacchierare oppure navighi su Netflix in cerca di qualcosa che occupi il tuo pendolare da una stazione all’altra.

Qualcosa desta la tua curiosità e dentro di te cresce l’istinto di fare una ricerca su Google. Digiti un paio di parole, una domanda, ed ecco che compare una lista di curiosità e articoli.
Tra queste c’è anche Parola di Quattrocchi, clicchi e a volte trovi esattamente quello che cerchi. Altre qualcosa che ci assomiglia.

Oggi sono qui per proporti un articolo utile a rispondere ad alcune domande fatte a Google che hanno portato a questo blog.
Un meccanismo di rimando che funziona grazie alla SEO, sulla quale noi blogger lavoriamo ogni volta che scriviamo un testo.

Quindi ecco le 3 ricerche su Google che hanno portato a Quattrocchi.

1. Confronti tra serie tv (o film) e libri

Confronti tra serie tv (o film) e libri
Photo by Ylanite Koppens on Pexels.com

Cos’è più bello: libro, serie tv o film?
Se ho visto la serie, ha davvero senso leggere anche il romanzo da cui è tratta?
E se ho letto il libro, quanto è probabile mi deluda il film?

Mi fa piacere sapere di non essere l’unica a farmi queste domande, e soprattutto sono felice di poterti essere utile.

Le ricerche principali che sono arrivate fino a noi riguardano due titoli recensiti che trovi qui:

A questo aggiungo altre tre coppie interessanti:

  • Il grande Gatsby: sono una delle tante fan di Leonardo Di Caprio, quindi appena è uscito il film mi sono fiondata a vederlo. Mi è piaciuto veramente molto e per curiosità ho voluto leggere il romanzo da cui è tratto: Fitzgerald mi ha conquistata. La scena che più mi è rimasta impressa è quella in cui suona il telefono mentre i protagonisti sono seduti a tavola: è carica di emozione in entrambe le versioni;
  • Buona Apocalisse a tutti!: romanzo umoristico apocalittico scritto a quattro mani da Terry Pratchett e Neil Gaiman. L’ho letto tutto d’un fiato qualche anno fa e l’ho amato. Il ritmo incalzante, l’ironia del narratore e i personaggi vividi, che mi ricordano il primo volume di Guida galattica per autostoppisti, li sto apprezzando molto anche nella serie tv che trovi su Amazon Prime Video;
  • Guida galattica per gli autostoppisti: ho visto prima il film e non ho saputo resistere al romanzo, che in realtà è una “trilogia più che completa in cinque parti”. Ecco, ammetto di avere apprezzato molto il primo volume, da cui è stato tratto il film, ma già con il secondo ho avuto delle difficoltà a terminarlo e non mi sono spinta oltre. Poco male, perché sono pronta a dargli una seconda occasione: quest’anno è uscito il ciclo completo edito Mondadori con tanto di breve saggio scritto da Neil Gaiman sul retro. Non ho saputo resistere!

Ma passiamo alla seconda ricerca online più quotata: youtuber e curiosità sulle attiviste.

2. Youtuber, instagrammer, artist* e attiviste: le nuove celebrità del web

Youtuber, instagrammer, artist* e attiviste: le nuove celebrità del web
Photo by Designecologist on Pexels.com

Youtube è la social-tv più usata al mondo.
Ha accorciato le distanze tra spettatore e celebrità, influenzando il nostro modo di parlare e percepire lo spettacolo.

Alcune di queste nuove celebrità del web ci hanno portato del traffico, e il motivo è semplice: alcune le abbiamo intervistate, su altre abbiamo scritto articoli.
Informazioni che a quanto pare solleticano la curiosità, anche se a volte Google le seleziona nonostante la ricerca di partenza sia differente.

Per esempio se cerchi informazioni personali su alcuni youtuber, qui non troverai nulla: non ci occupiamo di gossip.
Ma dal momento che scrivi il nome di qualcuno che abbiamo intervistato, l’articolo che lo cita comparirà nella tua ricerca online.

Per facilitarti il compito. ecco con chi (e di chi) abbiamo parlato su Quattrocchi:

  • Cimdrp, ossia Irene Facheris: youtuber, alleata nonché presidente di Bossy;
  • Camihawke: instagrammer divertente e autoironica che parla anche di cyberbullismo e altre problematiche legate ai social;
  • Elepetrella: youtuber che nel suo canale parla di moda, benessere e lifestyle;
  • Eri_gibbi: booktuber e bookstagrammer, una persona davvero adorabile, divertente e acculturata;
  • Sofia Viscardi: youtuber che dopo un anno di pausa è tornata con il progetto Canale di Venti;
  • Violetta Rocks: youtuber con un canale dedicato al mondo del cinema;
  • Beatrice Venezi: direttrice d’orchestra diventata ancora più famosa grazie a Instagram;
  • Conte Giulio Maccavino: una personalità eccentrica arrivata in semi finale a Italia’s Got Talent.

Dagli artisti passiamo al mondo dell’arte: la terza ricerca su Google che porta qui su Quattrocchi.

3. Arte, musei e curiosità: la cultura si fa sempre più pop!

Arte, musei e curiosità: la cultura si fa sempre più pop!
Photo by rawpixel.com on Pexels.com

Non tutta l’arte rientra nella popculture, ma abbiamo notato che la cultura si fa sempre più pop.
Nel senso che la cultura desta l’interesse di un numero maggiore di persone, gente che viaggia e non si accontenta di vedere le cose. Preferisce osservare, conoscere, scavare a fondo.

Insomma, ci sono sempre più Quattrocchi in giro per il web e questo ci rende davvero felici!
Ma quali sono gli argomenti di punta cercati su Google?

  • “sistema nazionale museale e sistema museale regionale” o “la costruzione del sistema museale regionale”;
  • “come viene vista l’omosessualià nella storia”;
  • “la religione negli anime” o “cosa si nasconde dietro le religioni”;
  • “spaghetti in America anni Trenta”.

Sull’omosessualità nella storia e sulla religione negli anime trovi due articoli dettagliati proprio qui sul blog.
Accontentiamo anche la tua curiosità sul sistema museale, ma ci trovi impreparati sugli spaghetti.

Non siamo completamente a secco, il menù offre un ci penso io sul Flying Spaghetti Monster, ma se non è questo che stavi cercando questa è la tua occasione per farcelo sapere.

Scrivi “spaghetti” in un commento e ricordati di iscriverti per non perderti le prossime uscite: trovi tutto nel footer 🤓

A quattrocchi con Comò Mag: un comodino di idee pop!

Ci siamo, sono su un comodino. Su quel comodino, insieme alle tre menti che hanno dato vita al magazine di pop culture che tanto adoro e che adorerai anche tu.

Questo se già non lo conosci, perché tra eventi dal vivo e iniziativi digitali, Comò Mag. è ormai un sito di riferimento per chi si interessa di illustrazione, fotografia e desidera condividere le proprie esperienze.

Forse per la prima volta, si ritrovano a rivelare cosa si nasconde nel loro cassetto, e trattandosi di un comodino di idee pop non rimarrai delus*.

Raccontate com’è iniziato tutto. Era una notte buia e tempestosa come per Snoopy oppure l’ombra di Peter Pan è comparsa alla vostra finestra?
Tutto è iniziato bevendo un mojito. Come quasi tutti i nostri progetti!  intervista a Comò Mag.
Photo by rawpixel.com on Pexels.com

Tutto è iniziato bevendo un mojito. Come quasi tutti i nostri progetti!

Eravamo a una serata in un locale tutti e tre: Carlotta, Chiara e Nicolò. Avevamo da poco concluso l’avventura di una web serie creata insieme e abbiamo sentito il bisogno di inventarci qualcos’altro per fare i pazzi. Era il momento boom dei blog sul web, tutti condividevano le loro passioni su tumblr, blogspot, flickr.

Così abbiamo deciso di salire sulla nave anche noi!

Abbiamo iniziato per gioco, pubblicando articoli che rispecchiavano la personalità e gli interessi di ognuno di noi. Per prenderci in giro ripetevamo a noi stessi: “sappiamo fare delle cose!”.

Pian piano il gioco si è fatto serio, il blog è diventato un vero e proprio magazine online, abbiamo iniziato a girare per l’Italia, ad avere collaboratori e autori nuovi, insomma siamo cresciuti e questo ci ha riempiti di entusiasmo! Continua a leggere “A quattrocchi con Comò Mag: un comodino di idee pop!”